Le Regole stipulate dagli Imperatori On Game, che sono appesi agli angoli dei Vicoli di Elamshin. Tutti sono a conoscenza di queste regole, se almeno una volta sono stati ad Elamshin o in una qualsiasi altra città dell’impero.

1. Forma di Governo
Queste terre sono governate in forma oligarchica. L’Imperatrice Loviatar e l’Imperatore Deker sono coloro che possono tutto e insieme al Maestro di Sangue Frederik compongono il triumvirato di Elamshin. A proteggere il membri del governo vi è la guardia Sequoor, a proteggere personalmente l’imperatrice vi è il Consigliere Andros.
Ogni città ha un suo Arconte che guida le vicende cittadine, e prende decisioni per il bene della città stessa e della cittadinanza.

2. Legislazione di Elamshin
Le leggi vengono proposte e promulgate dal governo, i cittadini possono essere ascoltati qualora uno dei membri voglia, ma la decisione finale aspetta all’accordo della corte imperiale. Il Vice-Arconte è colui nella persona per ogni città ascolta le proposte di legge dei semplici cittadini, e se ritiene valide le invia agli Imperatori per far si che siano promulgate.

3. Sistema Giudiziario
Ogni membro del governo è giudice dei fatti che avvengono ad Elamshin, ad egli il compito di essere super partes per dare un giudizio adeguato alla situazione, che in tal caso sarà sempre e comunque insindacabile.
Il Sistema giudiziario di ogni città è gestito dal Consigliere di Giustizia della gilda Collegio dei Consiglieri.

4. Regolamentazione Armi
L’uso delle armi è consentito solo nell’arena cittadina, i cittadini che vogliono risolvere disguidi con le mani senza interpellare la giustizia possono farlo lì. Nell’arena tutto è consentito anche uccidere il proprio avversario, fuori dall’arena chiunque venga visto utilizzare un arma verrà sedutastante arrestato, entro il perimetro della città. Per i perimetri noti visionare il seguente documento [Clicca]

5. Il Commercio
Il libero commercio è consentito e auspicato dal governo, associazioni di mercanti e artigiani sono sempre ben volute, purchè non siano una copertura di qualche illecita truffaldina congrega. Ufficialmente sono dediti al commercio nella città di Elamshin gli Artigiani di Elamshin.

6. Gli Studi
Non vi è alcun obbligo nello studio, chi vuole intraprendere la strada conoscitiva non avrà nessuna agevolazione rispetto a chi la abbandona. Tuttavia il Governo mette a disposizione un amplia biblioteca ricca di antichi tomi e una Accademia dove ogni gilda magica può offrire lezioni agli aspiranti sapienti. La conoscenza però deve essere messa al servizio di Elamshin e dell’Impero, forme di magia o stregoneria o misticismi contrarie all’Impero verranno processate e estirpate.

7. Le Forze dell’Ordine di Elamshin
La forza che si occupa del mantenere l’ordine ad Elamshin sono i Guardiani, a loro è obbligatorio il vivo rispetto per la funzione svolta, a loro deve essere dato la possibilità di controllare che non state commettendo un’infrazione, al loro intimare di alt il cittadino deve fermarsi e ascoltare. Le forze dell’ordine devono essere agevolate per il mantenimento del suddetto.

8. La Moneta
L’unica moneta valida di scambio in queste terre è il Loviadoro, monete fatte da una lega di rame e zinco raffiguranti da un lato, il numero o il valore della moneta, dall’altro il volto dell’Imperatrice Loviatar a cui è dedicata. Esistono coni da 1, 5, 10 , 20, 50, 100, 500 loviadoro per agevolare i commerci e i commercianti.

9. Religione
La religione maggiore delle terre di Elamshin è quella dedicata al culto di Sharaim / Miarahs di fatti i due templi presenti nelle terre sono principalmente votati a loro. Ma ogni cittadino può avere credenze e fede diversa senza essere perseguitato. I templi delle due grandi madri prevedono l’accesso alle divinità rispettivamente positive e negative, e alle funzioni a loro rivolte.

10. Pesca
La pesca è consentita seppur in cicli brevi per non disturbare le creature come gli Idrora, è ovviamente vietato cacciare e cibarsi di quest’ultimi, in tal caso verrà considerato un reato punibile e imprigionato. Solo al caporazza degli Amphibia è concesso di cibarsi di Idrora per la riproduzione.

11. Schiavitù
Chi può permettersi di mantenere uno schiavo può possederne uno. I diritti degli schiavi sono esigui: deve poter respirare ed essere in salute. Gli schiavi sono riconoscibili dal marchio con la S tatuato sul braccio, o sulla corteccia, gli schiavi possono essere liberati se viene pagata la somma rispettiva del valore dello schiavo o se il padrone magnanimo gli concede la libertà, in quel caso gli schiavi verranno tatuati con una x sopra alla s ad indicare lo schiavo liberato.

13. Punizioni
Chi si avvede di reati contro il governo o contro l’Imperatrice può essere condannato a morte, chi ruba e viene scoperto vi è inflitto il taglio della mano, chi uccide verrà torturato a morte, chi complotta e crea disordini verrano tagliate via orecchie e lingua (o coda) , chi disturba verrà messo alla gogna.

14. Edifici e Lotti
Il Possedimento di Edifici è possibile solo previa autorizzazione dell’Arconte il quale riceverà oltre che il prezzo dell’Immobile una tassa annuale corrispettiva del 10% del valore dell’immobile, invece per quanto riguarda la gestione di immobili, i gestori non posseggono l’immobile ma lo prendono in gestione a discrezione degli imperatori o dell’arconte o del vice-arconte in sua assenza. I gestori possono tenere gli introiti dell’immobile per se.

15. Razze e Ambasciate
All’Interno degli Uffici del Municipio ogni Razza può avere un suo studio per effettuare il diritto di Ambasciata, quindi ogni rappresentante scelto dai clan di razza può accedere agli uffici e rispondere alle domande di altre razze sugli usi e costumi. L’Ufficio in questione è l’ufficio delle razze.

In Fede Gli Imperatori di Elamshin

Annunci